✦ Ecco a voi un’altra novità in casa KINDUSTRIA. Ortica Editrice!✦

✎ Questi i tre titoli che vi segnaliamo oggi✎

✦ Al Caffè. Conversando d’Anarchia e di Libertà // Errico Malatesta✦
Pur essendo l’ideale utile e necessario come faro che indica la meta ultima, la questione urgente è quella di ciò che si deve fare oggi e nel domani immediato.
Noi vogliamo una società in cui ognuno abbia i mezzi per vivere come gli pare, ma nessuno possa costringere gli altri a lavorare per lui, nessuno possa obbligare un altro a sottoporsi alla sua volontà.
Gli uomini non sanno come fare per essere liberi, o se lo sanno, non vogliono fare quello che occorre per liberarsi. E perciò restano schiavi. Ma noi speriamo che più presto che voi nol crediate essi sapranno e vorranno. Allora saranno liberi. 
IMAG3177

✦La Rivoluzione // Carlo Pisacane✦
Lo schiavo non smaglia lentamente le catene, ma le spezza.
In una società ove la sola fame costringe il maggior numero al lavoro, la libertà non esiste, la virtù è impossibile, il misfatto è inevitabile. Se tu, mortale, distendi la mano e la tua forza di là del confine che ti segnò natura, occupi dei prodotti della terra tanto che ne siano offesi gli altri esseri tuoi simili, e manchi loro la sussistenza, tu proverai il riurto loro; il tuo delitto è l’invasione, il violamento dell’ordine; la tua pena è la tua distruzione.
IMAG3178

✦Dall’altra sponda // Alexander I. Herzen✦
Quanto era in mio potere era di disubbidire, e ho disubbidito
L’uomo contemporaneo mi riempie di stupore: che indifferenza, che idee limitate, che assenza di passione e d’indignazione, che debolezza di pensiero: con quanta rapidità si consumano e si raffredano in lui l’entusiasmo, l’energia, la fede nella propria causa! Se siete soddisfatti del vecchio mondo, cercate di conservarvelo; è molto decrepito e non resisterà a lungo…Ma, se non potete sopportare di vivere in un’eterna contraddizione fra le idee e la vita, di pensare in un modo e di agire in un altro, allora abbandonate queste strade medievali imbiancate a nuovo, uscitene a vostro rischio e pericolo. Sono io davvero così inscindibilmente legato a quest’ambiente da non potermene liberare neppure quando me ne sono realmente allontanato, quando nulla ho da chiedergli, quando sono indifferente ai suoi doni? 

➨ Loro raccontano il loro progetto editoriale così:
«L’Ortica editrice nasce nella primavera del 2010 da un sentimento forte di libertà, reale, tangibile. Riteniamo, parafrasando un nostro autore, che il torto dell’uomo è di essersi fatto schiavo di troppe chimere: religioni, pregiudizi, utopie, doveri, abitudini d’ogni sorta. Doveri terreni che hanno allontanato l’uomo dalla Natura.
L’uomo che conosciamo tende a sopraffare i propri simili, a schiacciare l’ambiente che lo circonda, s
e stesso, per bramosia di potere. Riteniamo possibile un progresso dell’umanità partendo da se stessi. Un progresso non tecnico scientifico, né materiale, ma introspettivo, atto al raggiungimento di un equilibrio possibile con il Tutto. Equilibrio fondato sull’Unione Intima e non su una tolleranza escludente (nosce te ipsum è l’esortazione a trovare la verità dentro di sé, anziché nel mondo delle apparenze). Ciò che ci ha mosso è stato un moto di ribellione. Per troppo tempo abbiamo permesso di farci tarpare le ali, abbiamo atteso. Logorati da sterili lamenti che ci hanno tenuti prigionieri per anni, responsabili verso questo nostro sentire, abbiamo agito. Aprire una casa editrice non è stato per noi un fine, né sarà mai uno strumento di arricchimento materiale, ma una reazione personale contro una condizione di vita apparente; contro un modo di vivere insensato, fondato sullo sfruttamento dell’uomo sull’uomo e dell’uomo sulla natura; contro la ferocefratellanza di Caino e Abele. Siamo per la cooperazione tra individui, siamo con chiunque abbia voglia di reagire. Gli scritti degli autori che cercheremo di diffondere sono il frutto di vite coerenti con il proprio sentire intimo.»

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...